Il prof. Tramonte: “I rischi del tornare a giocare sono gli stessi di prima”

31 maggio 2020

“Una delle cose che preoccupano molte persone è la ricaduta della COVID19 sullo sport. Ma non solo e non tanto, forse, sullo sport ufficiale, nazionale o internazionale, ma anche sullo sport amatoriale o personale. Certo, ci sono attività sportive assai poco o punto pericolose poiché mantenere la distanza è facile o addirittura inevitabile: tennis, golf, caccia, pesca ecc. ma ci sono attività sportive di gruppo dove mantenere la distanza è impossibile: calcio, calcetto, rugby, arti marziali ecc. allora il punto della questione è molto semplice e tutto racchiuso nella domanda: quando si ricomincia? La risposta è semplice, non lo so. Non lo so perché non è una questione medica ma politica, legata alla gestione dell’amministrazione della cittadinanza e del paese e dunque dipendente da una serie infinita di valutazioni, interessi e opportunismi che non rispondono alle reali necessità delle situazioni ma solo di qualcuno. Se invece mi chiedeste se, allo stato attuale delle cose, si potrebbe ricominciare senza pericolo allora una risposta posso metterla insieme perché la questione è di pertinenza medica, chiarendo che la medicina non è una scienza esatta e non ha risposte esatte.

Per leggere  l’articolo vai al blog del dottor Silvano U. Tramonte

Condividi la parola di Tramonte